Pubblico ora dove trovarci a lezioni di Benedetta Spada a Ottobre e Novembre.

Prossime lezioni di Benedetta Spada a Milano a Novembre:


Martedì ore 19.15, yoga e Terapia. 90′

Giovedì ore 19.15, Vinyasa yoga flow. 90′

Venerdì ore 8, full Vinyasa*. 75′ *Su prenotazione.

Mercoledì sera ore 19, Chakra Balance yoga*. 75′ *in Via Rezia 1.

Vorrei pubblicamente riprendere alcuni appunti miei, sulla tecnica yoga al mattino. Abbiamo in fatti quest’anno inserito due nuove classi al mattino del Mercoledì e del Venerdì. Personalmente pratico tutti giorni gli Asana al mattino tra le 6 e le 8. So dai commenti che faccio sorridere alcuni, quando mi vien chiesto ma “tu non lavori?!” O “tu non hai figli?!”. Faccio parte di una vecchia scuola come quella di Gabriella Cella per dire, che prevede di non fare altro che insegnare yoga e anche prevede di non aver figli. Se si può dire, lo yoga è il mio lavoro, di certo è la mia vita.

 

Maestro di yoga Maestri di yoga Maestei di yoga

La pratica di Yogasana come ho già scritto, è la cartina tornasole di quanto farò in giornata, tra lavoro, riposo totale, alimentazione, studio, meditazione e svago. Farla al mattino, mi permette di seguire mio itinerario spirituale durante la giornata. Se non pratico, parto invece da un’idea, mi ripiego su l’abitudine che ho di me stessa. L’idea è meno impegnativa di una esperienza fatta durante 75′ di Ashtanga. Tra i due non c’è confronto, dico spesso è come andare in un posto con una bussola o senza. Il Vinyasa nelle lezioni di Benedetta Spada, è il check up del flusso vitale variabile a secondo le stagione, lune, condizioni fisiche, mentali e spirituali. Quindi la pratica mattutina riattiva le mie forze e determina forze nuove che non immaginavo o che immaginavo solamente. Passo da una visione del corpo pensato, ad un corpo sentito per quello che è, la vera Benedetta.

Poi prendo spesso un momento di riflessione. Uso le visualizzazioni per determinare il piano giornaliero della vita che vorrei. Il Vinyasa è alla mia vita o meglio la mia filosofia di vita. Come ho scritto in articolo sulle ore migliori per praticare yoga, la fascia oraria mattutina vede un livello ottimale degli ormoni che sostengono lo sforzo in scioltezza. Inoltre, anche se vivo in città, è un orario relativamente calma fuori dalla finestra. Prima della pratica ci sta anche mezz’ora di routine tra andare in bagno, pulizia della lingua e delle nari, una bevanda calda, le terapie in corso se ce ne sono. E dopo la pratica, vado a colazione con calma.

Nella stagione invernale, il sole si vede meno presto e il freddo ambiente mette sotto sforzo il corpo, così la pratica mattutina smussa il morso dell’inverno. Il tarde sorgere della luce, allunga il tempo per Pranayama e meditazione. La luce dalle 8, aiuta la pratica enrergizzante. Alla sera dalle 7 alle 9, meglio praticare con consapevolezza ristorandosi ad ogni respiro. Il momento dalle 8 alle 9 di mattina, è il migliore secondo l’Ayurveda per energia, freschezza e pesantezza, prima di altri cicli circadiani segnati dall’equilibrio, dal caldo, dalla luce e dalla forza digestiva. Nelle lezioni dinamiche usiamo un Pranayama stimolante e riscaldante. Nelle lezioni di Chakra balance, insegniamo ad usare la lateralità emisferica cerebrale con il respiro. Stimolando quando c’è bisogno il corpo mente. Rilassando quando vogliamo il corpo mente.

Il workshop segue il filone di studio cuore, cervello e muscoli. Dopo esserci occupati di cuore e cervello, ecco che insieme condivideremmo valori esistenziali per intensificare il nostro atteggiamento sul tappetino e fuori. Mettiamo tutta la muscolatura sotto tensione a momenti, nel primo workshop. Tutte le parti del corpo dove ci possono essere delle tensioni muscolari e delle contraddizioni, ricostruiamo l’anatomia del corpo e della mente attraverso sequenze intense e radicanti.

Guardare al di là, oltre le limitazioni della mente, insistendo con la forza di volontà, permette di semplicemente lasciare andare la paura di non farcela e di diventare istantaneamente una persona migliore. Nel secondo workshop, parleremo di come la mente può sostenere o sabotare l’auto realizzazione. Durante il workshop verranno affrontate posture invertite per estendere colonna vertebrale e fortificare la parte superiore del corpo.

 

 

per chi ha letto fino a qui e ha domande:

1- sull’argomento potete scrivermi direttamente

2- sulle lezioni di gruppo potete scrivere o chiamare lo Spazio Eclectika

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *